Recordati: i risultati nei primi 9 mesi del 2011


27 Ottobre 2011 - Il Consiglio di Amministrazione della Recordati SpA ha approvato la Relazione finanziaria al 30 settembre 2011.

I ricavi consolidati, pari a 580,6 milioni di euro, sono in crescita del 5,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le vendite farmaceutiche ammontano a 558,6 milioni di euro, in incremento del 5,5%.

L’utile operativo è pari a 128,9 milioni, in crescita del 4,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con un’incidenza sui ricavi del 22,2%. L’incremento delle spese di vendita del 7,8% è principalmente finalizzato a sostenere il lancio dei nuovi prodotti.

L’utile netto è pari a 92,0 milioni di euro (+5,8%), con un’incidenza sui ricavi del 15,9%, e cresce in misura superiore alla redditività operativa per la minore incidenza dei costi finanziari e delle imposte.

La posizione finanziaria netta al 30 settembre 2011 evidenzia un debito netto di 29,3 milioni di euro in seguito all’acquisizione della società turca Frik Ilaç e del nuovo prodotto Procto-Glyvenol, oltre al pagamento del dividendo.
Il patrimonio netto si è ulteriormente incrementato ed è pari a 606,3 milioni di euro.

Sono stati acquisiti da Novartis Consumer Health le autorizzazioni commerciali, i marchi e tutti i diritti relativi al prodotto Procto-Glyvenol per i seguenti paesi: Polonia, Russia, Turchia, Romania, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ucraina, Portogallo, i paesi Baltici e Cipro.
Procto-Glyvenol è indicato per il trattamento delle emorroidi interne ed esterne ed è attualmente presente sul mercato nei paesi oggetto dell’accordo.

È iniziata la commercializzazione in Europa di Livazo ( Pitavastatina ) con il lancio in Spagna da parte di Recordati España in co-marketing con Esteve e in Portogallo da Jaba Recordati in co-marketing con Delta.
Pitavastatina, compresse da 1mg, 2mg e 4mg, è una nuova statina indicata per la riduzione dei livelli elevati di colesterolo totale e colesterolo LDL in pazienti adulti con ipercolesterolemia primaria e dislipidemia combinata, quando la risposta alla dieta e ad altre misure non-farmacologiche è inadeguata.
Il lancio di Livazo e di Alipza in Spagna e in Portogallo, rappresenta il primo passo nel roll-out in Europa di questo nuovo farmaco.

Orphan Europe, la filiale del gruppo dedicata ai trattamenti delle malattie rare, ha ottenuto l’approvazione in Europa per l’estensione dell’indicazione di Carbaglu ( Acido Carglumico ) come trattamento dell’iperammoniemia associata alla presenza di tre principali tipi di acidemia organica ( acidemia isovalerica, acidemia metilmalonica ed acidemia propionica ).
Carbaglu ha ricevuto la designazione di farmaco orfano nel 2003 ed è indicato per la terapia del deficit di NAGS. Le acidemie organiche sono patologie generalmente diagnosticate nell’infanzia, talvolta mortali, che colpiscono principalmente il sistema nervoso centrale. Sono rari disordini ereditari dovuti all’alterazione del metabolismo degli aminoacidi, con conseguente accumulo nel corpo di sostanze che possono inibire il ciclo metabolico dell’urea, causando un accumulo di ammonio ed iperammoniemia. La presenza di iperammoniemia rappresenta una vera urgenza medica e Carbaglu, con la sua specifica azione sul ciclo dell’urea, è in grado di ridurre i livelli plasmatici di ammonio e quindi di prevenire i possibili danni cerebrali.

A settembre è stata conclusa con successo l’acquisizione del 100% del capitale di Dr. F. Frik Ilaç A.S., società farmaceutica turca con sede a Istanbul, anche a seguito dell’ottenimento dell’autorizzazione da parte dell’autorità della concorrenza turca. Il valore della transazione (enterprise value) è di circa 130 milioni di dollari, dei quali 74,5 milioni sono stati pagati al closing. Il saldo restante in parte sarà corrisposto in tranche a scadenze future ed in parte è rappresentato dall’assunzione del debito della società.
È la seconda acquisizione del gruppo in Turchia, paese nel quale Recordati ha acquisito la società farmaceutica Yeni Ilaç nel dicembre 2008.
Frik Ilaç ha un listino di prodotti etici per la medicina di base oltre che per le terapie specialistiche e circa 350 dipendenti, di cui 260 informatori scientifici.

XageneFinanza2011



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer