Tim: risultati nei primi 9 mesi del 2011 in Brasile


12 Novembre 2011 - I ricavi del gruppo Tim Brasil nei primi nove mesi del 2011 sono pari a 12.375 milioni di reais ( cambio medio real/euro 2,29395 ), superiori di 1.843 milioni di reais (+17,5%) rispetto al corrispondente periodo del 2010. I ricavi da servizi dei primi nove mesi del 2011 si attestano a 11.093 milioni di reais, in crescita rispetto ai 9.945 milioni di reais dello stesso periodo nell’anno precedente (+11,5%); mentre i ricavi da vendita di prodotti aumentano dai 587 milioni di reais dei primi nove mesi del 2010 ai 1.282 milioni di reais dei primi nove mesi del 2011 (+118,4%). L’ARPU (mensile) a settembre 2011 risulta pari a 21,2 reais rispetto ai 23,9 reais di settembre 2010. Le linee complessive al 30 settembre 2011 sono pari a 59,2 milioni, in crescita del 26,1% rispetto al 30 settembre 2010, corrispondenti ad una market share del 26,0%.

L’EBITDA, pari a 3.313 milioni di reais, è superiore di 314 milioni di reais rispetto ai primi nove mesi del 2010 (+10,5%); tale crescita, in presenza di un’incidenza pressoché costante dei costi commerciali sui ricavi da servizi, necessaria per sostenere lo sviluppo dei ricavi in un contesto altamente competitivo, è legata alle efficienze operative ottenute nell’ambito dei costi industriali, del personale e della gestione del credito commerciale.

L’incidenza sui ricavi è pari al 26,8%, inferiore di 1,7 punti percentuali rispetto allo stesso periodo del 2010. Tale risultato è conseguenza della strategia di penetrazione del mercato con terminali smartphone/webphone quale leva per lo sviluppo dei servizi dati da mobile ed è perciò da attribuirsi esclusivamente alla citata crescita del fatturato prodotti. La variazione organica dell’EBITDA rispetto ai primi nove mesi del 2010 è pari a +322 milioni di reais, con un’incidenza sui ricavi del 26,8% (28,5% nei primi nove mesi del 2010).

L’EBIT è pari a 1.567 milioni di reais (+789 milioni di reais rispetto ai primi nove mesi del 2010). Tale risultato è attribuibile alla maggior contribuzione dell’EBITDA e alla riduzione degli ammortamenti per 467 milioni di reais (1.745 milioni di reais nei primi nove mesi del 2011, 2.212 milioni di reais nei primi nove mesi del 2010). La variazione organica dell’EBIT rispetto allo stesso periodo del 2010 è positiva per 797 milioni di reais, con un’incidenza sui ricavi del 12,7% (7,4% nei primi nove mesi del 2010).

Gli investimenti industriali ammontano a 1.852 milioni di reais, con un aumento di 116 milioni di reais rispetto ai primi nove mesi del 2010. Il protrarsi della strategia commerciale, iniziata nella prima metà dell’anno e legata alla vendita dei terminali, ha implicato una forte riduzione della componente capitalizzata del SAC, mentre si sono incrementati gli investimenti dedicati all’infrastruttura di rete, per sostenere lo sviluppo del traffico sia voce che dati.

XageneFinanza2011



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer